Inclusione sociale? Anche la sessualità ne fa parte

L’inclusione sociale non deve escludere la sessualità, perché è una componente che fa parte della vita e quindi merita il suo posto in tale ambito e lo stesso discorso deve valere per ogni essere umano, compreso quello con problemi di disabilità.

Ovviamente per loro risulta essere un po’ più problematico rispetto ad altri ma se hanno la fortuna di avere di fronte delle persone responsabili e dotati di una determinata dose di pazienza si possono fare passi in avanti che regala loro una buona esperienza di vita. Si va infatti sempre più sviluppando nella nostra nazione, i rapporti tra persone affette da disabilità ed altre in condizioni normali che riescono a far sfociare il loro legame in qualcosa di sessuale. Non bisogna però vederci qualcosa di marcio in ciò, perché vivere nella situazione di disabilità non deve estromettere loro la possibilità di avere una vita sessuale, anche perché potrebbe fare solo bene e portare una buona dose di felicità e scoprire qualcosa che non conosco e che sentono solo parlare. Inoltre potrebbe anche avere degli effetti positivi sulla loro psiche ed allo stesso tempo anche sul loro corpo dando una maggiore mobilità ed incentivandoli verso una ripresa, sempre laddove sia possibile.

La storia di Manuele

Manuele ha 29 anni, per un incidente avuto 2 anni prima ha perso il braccio sinistro e le dita del piede destro, inoltre è costretto ad utilizzare un tutore alla gamba sinistra perché ha subito diverse rotture delle ossa e ciò gli impediscono di camminare bene. Al posto del suo braccio sinistro nel tempo gli è stato possibile dotarsi di un braccio bionico che ha poi imparato ad utilizzare ed a conviverci, ciò però gli ha portato difficoltà nel rapporto con le persone, specie sotto la sfera sessuale. Tale condizione però ha iniziato ad avere qualche cambiamento quando ha conosciuto Patrizia, un’amica di suo cugino che ha avuto modo di parlare con lui e conoscere meglio la persona che è. Questa conoscenza è poi proseguita nel corso dei giorni e ha fatto crescere in entrambi la voglia di conoscersi meglio e Manuele ha potuto così constatare che non tutti sono così diffidenti a questo mondo. Patrizia ha scoperto che quel ragazzo che il destino ha deciso di porre in tale situazione ha ancora tanto da dare e che lei era onorata di poter condividere con lui parte della sua vita. Il rapporto è andato così crescendo e Manuele si è mostrato molto simpatico ed un tipo assai interessante, sempre con la battuta pronta e pronto a far breccia nel cuore della ragazza.

Tra sorrisi vari e discorsi che spaziavano su ogni campo i due sono diventati sempre più intimi e Manuele non ha perso tempo che gli sarebbe piaciuto condividere un’esperienza con lei che oramai mancava da più di due anni. Patrizia da un lato è rimasta stupita dal modo di fare del ragazzo e dall’altro onorata che aveva scelto proprio lei per questa proposta, così lei che non era affatto refrattaria ai modi divertenti del ragazzo ha fatto capire chiaramente che era possibile viversi tutto ciò. Insieme si sono diretti a casa di Patrizia ed una volta giunti all’appartamento si sono messi comodi, i loro discorsi hanno subito preso la direzione più piccante e ciò li ha portati ad avvicinarsi al motivo per cui erano lì. Sono partiti con baci assai focosi e con giochi di sguardi che hanno accesso la situazione, hanno poi deciso di continuare il tutto su un letto piuttosto che adattarsi al divano dove stavano ancora. Patrizia ha aiutato Manuele a togliere il tutore alla gamba e a svestirlo ma il ragazzo ha dimostrato che aveva imparato a gestire questa sua nuova vita ed essere autonomo. La ragazza è stata felice di vedere come il suo amico era così preso dalla situazione al punto tale di essere così attivo e ciò l’ha incentivata ancora di più ed ha iniziato così ad improvvisare uno spogliarello per lui, che guardava con molta attenzione. Si sono così ritrovati con solo l’intimo addosso e ciò ha fatto eccitare maggiormente i due partner, ma ovviamente dopo poco anche quei pochi capi d’abbigliamento sono stati dismessi per dare vita a qualcosa di più intrigante.

Dai baci si è passati alle carezze sul corpo ed alle bocche di entrambi che baciavano ogni parte sensibile dell’altro ed ovviamente i gemiti di piacere aumentavano rendendo assai piccante quel momento. Negli occhi dei due ragazzi c’era la voglia di andare oltre e scoprire fin dove si potevano spingere, Manuele che stava provando sensazioni forti che aveva oramai dimenticato, non pensava più alla sua disabilità e a ciò che gli aveva comportato. Patrizia invece non credeva di poter vivere qualcosa di simile ma per come era presa, non avrebbe mai messo la parola fine e stando a cavalcioni sopra il ragazzo si stava dando un gran da fare per farlo godere e ricevere lo stesso appagamento anche lei. Manuele la incitava con frasi a dir poco trasgressive e questo suo modo di fare piaceva molto alla ragazza che contraccambiava posando la sua lingua in diversi punto del suo busto atta proprio a provocare maggior piacere.

Si avvicinava così sempre più il momento di massimo godimento per entrambi ma che grazie alla bravura della donna, veniva posticipata per vivere ancora di più ciò che stavano vivendo. Patrizia consapevole della difficoltà di movimenti del partner, non ha fatto mancare la possibilità di poter svolgere quell’atto sessuale in modo diverso e così si è prodigata anche in altre posizione, accendendo ancor più la voglia di Manuele. Il momento finale di tanto impeto da parte dei due amanti del momento stava oramai giungendo e ciò stava regalando gli ultimi istanti di un’esperienza davvero forte, quando l’amplesso è arrivato la soddisfazione fisica e mentale è stata reciproca. Guardandosi poi negli occhi non si sono persi d’animo a far capire all’altro di quanto piacevole è stato il tutto e che quindi doveva avere modo di poter capitare ancora. L’assenso è stato pressoché scontato e così quella conoscenza casuale, ha portato due persone dalle diverse situazioni ad essere legati l’uno all’altro per un tempo tutto da stabilire, visto che la vita è imprevedibile ed ogni giorno va vissuto nel migliore dei modi.